NICE – Network for International Circus Excellence

NEWS Settembre 11, 2017

NICE – Network for International Circus Excellence

-->

NICE - Network for International Circus Excellenceun progetto di Fondazione Cirko Vertigo
realizzato con il sostegno di Compagnia di San Paolo
e con il patrocinio della Città di Grugliasco

 

Da venerdì 8 a domenica 10 settembre 2017 | Parco Culturale Le Serre
Fondazione Cirko Vertigo ha ospitato la FFEC (Fédération Française des Écoles de Cirque) per un confronto sul tema della sicurezza nella formazione artistica.

Attenzione all’innovazione, sostegno alle potenzialità artistiche e creative dei giovani talenti, consolidamento del network esistente e creazione di nuove reti nazionali e internazionali. Questi sono i punti cardine del progetto NICE, acronimo per Network for International Circus Excellence, realizzato con il sostegno di Compagnia di San Paolo e il patrocinio della Città di Grugliasco, che ha come obiettivo il miglioramento del livello qualitativo della formazione nell’ambito delle arti circensi e dello spettacolo dal vivo.

Formazione e qualità sono il binomio al centro del lavoro svolto dalla Fondazione Cirko Vertigo, che negli anni ha saputo catalizzare attorno a sé e al mondo del circo contemporaneo una vera e propria comunità di insegnanti, artisti, professionisti e pedagoghi.

In un’ottica di messa in rete delle competenze e di sviluppo della dimensione internazionale, NICE entra nel vivo con una tre giorni, in programma fino domenica 10 settembre, che chiama a raccolta presso il Parco Culturale Le Serre di Grugliasco oltre 30 operatori della FFEC (Federazione Francese delle Scuole di Circo) provenienti da 25 città francesi e da altrettante strutture formative, per una giornata di confronto sul tema della sicurezza nella formazione artistica circense.

Un dialogo che risponde alla forte volontà da parte degli addetti ai lavori italiani del mondo del circo di aprire un tavolo di discussione su un tema importante e centrale come quello della sicurezza, che in Italia non prevede ancora una normativa di settore, nella convinzione che le buone pratiche adottate dai colleghi d’Oltralpe possano divenire un modello per il nostro Paese.

Nei mesi successivi NICE mette a disposizione degli allievi della Scuola, dei giovani professionisti e del personale docente, un calendario di momenti formativi o Masterclass tenuti da specialisti di area artistica e tecnica, provenienti in larga parte dall’estero: Leo Bassi conduce la Masterclass di clowneria, Arian Miluka quella sull’equilibrismo, Bobo Zibetti insegna la giostra armonica. E ancora, Juan Tula conduce quella sul rou cyr, Axis Syllabus quella sulla danza contemporanea, Jerome Thomas insegna l’arte della giocoleria e Terak Rammo quella delle cinghe.

A completare le attività di aggiornamento e specializzazione organizzate in sede, il programma prevede momenti di formazione all’estero. Tali esperienze rappresentano un arricchimento, oltre che dal punto di vista professionale, anche per la crescita personale e lo sviluppo di competenze relazionali e interculturali.

Per candidarsi alle attività: segreteria@cirkovertigo.com

16° FESTIVAL SUL FILO DEL CIRCO

-->

A TORINO LIVING CIRCUS SI FA IN DUE

-->

Domenica 11 giugno a Torino, Living Circus si fa in due, ospitando spettacoli che hanno come protagonisti indiscussi fili sospesi e vertigini circensi, acrobati dell’aria e performer che si esibiscono in coreografie da mozzare il fiato, in un imprevisto gioco che sovverte le leggi della gravità. Una giornata ricca di performance e momenti spettacolari simbolicamente riuniti sotto il nome di “ChapiTô” (focus torinese del festival diffuso di arti performative curato da Cirko Vertigo) , a rappresentare l’idea di un grande “tendone da circo” coincidente con il perimetro della Città di Torino.

Alle ore 11 Vertigini Circensi nel cortile di San Pietro in Vincoli è il caleidoscopico spettacolo capace di emozionare e incantare un pubblico di tutte le età, portato in scena da un cast internazionale di artisti provenienti da tutto il mondo. Lo show prosegue anche nel tardo pomeriggio, questa volta la location è la cupola di via Tartini dove alle ore 18.30, in occasione della festa dei 50 anni di Corso Taranto, si tiene una sfida all’ultimo equilibrio, all’evoluzione più vertiginosa, al salto più spettacolare, in un confronto tra gusti, stili e sensibilità, e metà strada tra cielo e terra.

Lo spettacolo al Borgo Medievale è stato rinviato a data da destinarsi

Tutti gli eventi sono ad ingresso libero

LA NUOVA FASE DELLA FONDAZIONE CIRKO VERTIGO

-->

Il 29 maggio presso la Mole Antonelliana la Fondazione Cirko Vertigo ha presentato, nel corso di una conferenza stampa le nuove progettualità del triennio 2017-2020 e la scelta della location non è certo casuale: la stella che sormonta la Mole è proprio il simbolo che campeggia nel logo del progetto e il legame col cinema è alla base della filosofia che il suo fondatore e direttore Paolo Stratta ha impresso fin dall’origine. Il fattore K è quell’elemento che nel cinema come nel circo contemporaneo sa trasformare delle immagini statiche (numeri) in un’opera compiuta ed armonica, grazie al montaggio (regia, drammaturgia e coreografia).

Il Cirko Vertigo con il 2017 volta pagina e inizia una nuova fase del suo percorso artistico e organizzativo: nelle scorse settimane è infatti giunto a conclusione l’iter per la costituzione della Fondazione Cirko Vertigo, all’interno della quale confluiscono le diverse anime che da sempre danno corpo a questa realtà e alla cui presidenza è stato nominato, entrando in carica dal prossimo 1° luglio, Paolo Verri, uno dei più noti e stimati manager culturali del nostro Paese. Al suo fianco, mantiene saldamente nelle proprie mani la direzione generale della Fondazione il suo fondatore, Paolo Stratta.

La nascita della Fondazione rappresenta il risultato di un percorso sviluppato nell’ambito del progetto Hangar della Regione Piemonte, che ne è anche il principale sostenitore, con l’obiettivo di mettere in sicurezza il patrimonio di valori, competenze e talenti che hanno decretato negli anni il successo del Cirko Vertigo.

Pur mantenendo il proprio quartier generale presso la storica sede del Parco Culturale Le Serre di Grugliasco, nell’hinterland torinese, la Fondazione Cirko Vertigo amplia innanzitutto la sua “geografia” attraverso due nuove strutture di riferimento: la prima, già fin d’ora disponibile, situata a Vicoforte in provincia di Cuneo, mentre l’altra aprirà i battenti nei prossimi mesi nel pieno centro di Torino dove è stato formalizzato proprio in questi giorni l’insediamento di Cirko Vertigo nel cuore del capoluogo subalpino: la Fondazione ha infatti deciso di ristrutturare l’ex cinema Alexandra sotto i portici di via Sacchi, al civico 18, nell’ottica di farne il proprio punto di riferimento a Torino per le attività performative e di formazione. Un locale chiuso ormai da anni, un cinema che era destinato alla scomparsa, il cui recupero attraverso l’attività creativa e produttiva dà ancor più significato al nuovo ciclo di Cirko Vertigo: l’intervento previsto per l’autunno 2017 andrà a riqualificare ed animare culturalmente l’intera area che lo ospita.

Qui troveranno infatti posto una caffetteria, strutture per l’attività performativa degli artisti e per i corsi aperti alla cittadinanza, nonché una saletta (ex galleria) che può ospitare reading, concerti da camera di musica colta, elettronica e cantautorale oltre a meeting, conferenze e lezioni frontali, e una sala polivalente in pianta libera (ex platea) allestita per prove, lezioni e programmazione di spettacoli di teatro, danza, musica e circo.

Café Müller (così sarà ribattezzato il luogo) è un omaggio all’opera più autobiografica e nota di Pina Bausch, un vero manifesto per generazioni di artisti del teatro e della danza di fine Novecento che ha trasformato con una determinazione senza confronti il panorama delle arti contemporanee attraverso la rivoluzione scenica del Tanztheater. Il nuovo nome vuole anche creare un ulteriore ponte di significato tra la tradizione tutta torinese dei caffè storici (e caffè teatro) e l’innovazione che i linguaggi della drammaturgia contemporanea sanno portare.

Si trasformerà dunque l’energia del luogo che diventerà spazio di relazione ed apertura verso l’esterno, in rete con le progettualità locali ed internazionali della Fondazione. Al suo interno avrà sede stabile il lavoro della regista e coreografa Caterina Mochi Sismondi già fondatrice della compagnia blucinQue e importante sperimentatrice di un nuovo linguaggio di contaminazione tra teatrodanza e circo contemporaneo.

Il programma di dettaglio delle attività di Café Müller sarà presentato all’inizio di settembre e prevede una serie di conferenze ed eventi internazionali.

In tale contesto non muta ovviamente la destinazione del Parco Culturale Le Serre di Grugliasco, dove a partire dalla sua nascita nel 2001, Cirko Vertigo si è affermato quale centro internazionale di creazione e produzione di spettacoli ed eventi, polo di eccellenza per la formazione professionale e ludica nell’ambito delle arti performative del circo contemporaneo e residenza per giovani artisti. Oltre quindici anni di attività che hanno visto più di duecento allievi di tutto il mondo formarsi professionalmente alla sua scuola, decretandone l’affermazione a livello nazionale e internazionale. Il corso di formazione professionale per artista di circo contemporaneo si è evoluto fino a diventare, nel 2015, Accademia del Contemporaneo: è il primo percorso triennale di formazione professionale per giovani artisti circensi in Italia, riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e sostenuto dal Fondo Sociale Europeo. Al contempo circa ottocento persone frequentano annualmente i corsi ludici di arti circensi per bambini, ragazzi e adulti, che oltre a stimolare l’attività fisica si propongono di promuovere i valori umani e sociali propri del circo contemporaneo, quali solidarietà, condivisione, senso di appartenenza ad una comunità, rispetto di ogni essere umano, pluralismo culturale.

Proprio la dimensione formativa, quella professionale in particolare, rappresenta uno degli elementi di maggior sviluppo che caratterizzeranno le progettualità future della Fondazione Cirko Vertigo – già accreditata come Agenzia Formativa presso la Regione Piemonte – anche grazie al sostegno dedicato dalla Compagnia di San Paolo a uno specifico progetto di evoluzione della componente didattica e dell’internazionalizzazione.

Altro partner prezioso è inoltre la Fondazione CRT, che con suo impegno consolidato a supporto del progetto Living Circus permette di perseguire quell’opera di diffusione sul territorio dei valori del circo contemporaneo e delle opere create che permettono un riconoscimento sempre maggiore dell’arte del circo contemporaneo.

AL VIA LIVING CIRCUS 2017

-->

CIRKO VERTIGO PER IL 100° GIRO D’ITALIA

-->

La 99esima edizione del Giro d’Italia si è chiusa lo scorso anno a Torino ed è toccato a Cirko Vertigo aprire ufficialmente la 100esima edizione della corsa rosa che si svolge dal 5 al 28 maggio e ha preso il via da Alghero per concludersi a Milano.

Giovedì 4 maggio, vigilia della partenza, a partire dalle 18.30 si è tenuto ad Alghero l’evento di lancio del Giro d’Italia con la presentazione delle squadre e delle relative maglie dei corridori. Madrina dell’evento la showgirl Giorgia Palmas, volto femminile di questa edizione del Giro d’Italia. L’evento è stato ripreso dalle telecamere della Rai e trasmesso dalle emittenti di 194 paesi di tutto il mondo. Per questa occasione la cittadina sarda si è tinta letteralmente di rosa per rendere omaggio all’importante competizione ciclistica. Il claim della centesima edizione è “Amore Infinito”: amore: per lo sport, per la bicicletta, per il territorio, per il popolo, per la storia del nostro Paese. Infinito: misura indefinita di una passione indefinibile, per lo sport e per coloro che, ogni anno aspettano questa corsa in modo sempre diverso, con aspettative e motivazioni diverse.

Per questa occasione l’evento è stato spettacolarizzato dagli interventi artistici curati da Cirko Vertigo e diretti da Paolo Stratta. Su un palco di 400 metri quadri, acrobati aerei, contorsionisti, ginnasti, danzatori e due sand artist sono stati protagonisti dell’opening tra effetti speciali e sorprese ispirate alla più celebre competizione ciclistica. “Sono strabiliata dalla bravura degli straordinari performer della compagnia Cirko Vertigo – ha commentato la presentatrice Giorgia Palmas al termine dell’esibizione – che ci hanno fatto vivere con la loro maestria il percorso che da domani proprio in questo palco prenderà vita e ci porterà fino a Milano”.

A impreziosire e mettere in valore le esibizioni aeree e le evoluzioni acrobatiche, un gruppo di danzatrici del Centro Studio Danza Denise Zucca che ha curato anche le coreografie a terra.

Per l’occasione Cirko Vertigo ha portato sull’isola un’equipe composta da oltre 30 persone tra artisti, coreografi, registe, danzatrici, truccatrici, costumisti, personale di produzione e tecnici di palco. Dopo gli eventi presso il Padiglione Italia di Expo Milano 2015, l’apertura del Summit Mondiale dell’Editoria, del Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale e della 99° edizione del Giro che si tenne in Olanda, un altro importante appuntamento istituzionale per la Fondazione Cirko Vertigo.

A VICOFORTE UNA NUOVA SEDE PER CIRKO VERTIGO

-->

Nel mese di aprile l’amministrazione comunale di Vicoforte in provincia di Cuneo ha deliberato per il triennio 2017/2020 la concessione alla Fondazione Cirko Vertigo – in comodato d’uso a titolo gratuito – dell’ex Confraternita dei Battuti situata in via Roma (di fronte al Municipio).

Si tratta di un antico edificio religioso sconsacrato di particolare suggestione, all’interno del quale verranno proposte attività di residenza artistica nell’ambito delle arti performative e circensi, con la possibilità di realizzare spettacoli ed eventi all’interno della navata centrale della chiesa.

Una preziosa opportunità di sviluppo che consente alla Fondazione di ampliare ulteriormente i propri spazi di creazione e residenza artistica.

CIRKO VERTIGO PER LA STRATORINO

-->

Domenica 14 maggio torna la StraTorino e festeggia due compleanni: il 150° anniversario del quotidiano La Stampa e il 30° del settimanale TorinoSette, a cui sarà dedicata una serata di musica e parole sabato 13 quando sul palco saliranno anche i vincitori di X Factor 2016.  La celebre corsa torinese è stata presentata venerdì 21 aprile nel corso di una conferenza stampa ospitata all’ultimo piano della spettacolare sede di Reale Mutua in Via Corte d’Appello a Torino. Le maglie di questa edizione sono state presentate attraverso le esibizioni di due artisti di Cirko Vertigo, Elisa Mutto protagonista di una performance di contorsionismo e Federico Ceragioli che ha accolto gli ospiti nel corso di una improvvisazione alla roue Cyr.

Gli artisti di Cirko Vertigo saranno protagonisti con diverse esibizioni nelle giornate del 13 e 14 maggio sul palco di Piazza San Carlo, ai blocchi di partenza della corsa con alcune spettacolari performance aeree a grande altezza attraverso l’utilizzo di gru per la sospensione degli acrobati. E ancora in Piazza Vittorio Veneto e lungo il percorso con diverse sorprese. Vi aspettiamo tutti con la maglia gialla e il pettorale per vivere insieme questa fantastica giornata!

AUDIZIONI PER IL CORSO PROFESSIONALE

-->

INTENTS A GRUGLIASCO

-->