DUO SOLINGO – ELISA MUTTO E MICHELANGELO MERLANTI

Eravamo felici? Eravamo spensierati?

Eravamo … è la prima creazione del Duo Solingo, costituito da Elisa Mutto, acrobata aerea e danzatrice e Michelangelo Merlanti, equilibrista, acrobata e giocoliere. Assieme vogliono raccontare la storia di una coppia che sa di vivere gli ultimi istanti di vita, assieme: la racconteranno con leggerezza, in chiave circense, utilizzando discipline come la danza, il mano a mano, il cerchio aereo, la giocoleria e la corda molle. I due vorrebbero scappare ma non sanno dove andare e così l0unica soluzione è quella di passare gli ultimi istanti di vita felici e spensierati come non mai.

Amandosi, divertendosi e senza pensare a ciò cui sono destinati. La traccia musicale dello spettacolo sarà curata da Giannantonio Mutto mentre la parte di elettronica sarà realizzata da Beatrice Zanin.

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Agosto 2022




CIE LAS CORPA

La prima creazione in corso della compagnia Las Corpa, intitolata Peinando la Muñeca, in italiano Pettinando la bambola, parla della vita delle donne dal loro punto di vista. Le due artiste in scena, ovvero Lorena Di Bello e Martina Calvo, svelano le debolezze, le paure ma anche la forza ed il potere della figura femminile e l’importanza del suo ruolo nella società al giorno di oggi, attraverso i cambiamenti fisici, psicologici e scenici che conducono lo spettatore all’interno del loro folle universo, dove nulla è prevedibile.

Martina e Lorena cercano di accomodare il pubblico in un viaggio turbolento, alla riscoperta di se stessi e della relazione che abbiamo con il nostro corpo, in quanto macchina per agire ed esistere nel mondo. La solitudine è una delle tematiche principali affrontante in questo spettacolo: bella e necessaria può diventare anche cupa e degradante. Nel loro primo incontro in scena, scoprono che la comunicazione e l’ascolto possono essere fonte di rinascita dal malessere esistenziale. Le due artiste si portano e supportano passando attraverso litigi, abbracci, emozioni e prese acrobatiche, insieme si rendono conto di essere più forti, e di non avere paura di affrontare le proprie fragilità.

In questo spettacolo una arpista, sospesa in aria, cerca di riportare alla ragione e alla lucidità un’altra donna, persa e disperata, che continua a muoversi incessantemente senza una direzione. Seguendo la melodia dell’arpa, la donna disperata cerca di avvicinarsi a questa creatura che osserva dal cielo (come gli angeli nel Cielo sopra Berlino), vuole convincerla a non essere diffidente e a collaborare assieme per potersi riappropriare dei sogni ormai dimenticati. Inspirata dal dipinto Le tre età della donna di Klimt questa creazione si focalizza sul tempo che scorre inesorabilmente, lasciando dietro di sé ricordi ed emozioni indelebili. Nascita, Vita e Morte e la donna come fonte della vita.

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Agosto 2022




MARIA CELESTE FUNGHI

Un momento,
fermati qui, insieme;
con la pancia, con il cuore,
ascolta.
Per un momento, il tempo è sospeso,
dentro un abbraccio, violenza gentile tra le pieghe di un amore.
Semplicemente un momento,tu ed io noi”.

Un momento è lo spettacolo cui sta dando vita l’acrobata aerea Maria Celeste Funghi, in arte Maci, che sarà accompagnata dal vivo dal musicista Mauro Sciarratta. Un momento vuole essere una creazione nella quale la condivisione, il tu e l’io si trasformano in un unico noi, senza barriere.

Corpo, corda aerea, musica, la gioia di essere movimento prenderanno corpo sulla scena. Dialogo e prossimità sono le parole d’ordine dalle quali si genera l’intero spettacolo. L’ambiente che si andrà a creare sarà estremamente intimo caratterizzato da una linea estetica essenziale.

 

 

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Agosto 2022




COMPAGNIA BRUTA BRUJA

La compagnia Bruta Bruja è al lavoro sulla sua prima creazione Santa & Glitter – disco, circus e witchery! Partendo dal motto “We believe in Miracles” e profondamente ispirato dall’energia disco degli anni ‘90, il duo celebra con questo spettacolo la sua originale visione della realtà, nella quale tutto ciò che è ordinario e quotidiano si può trasformare nella versione straordinarie di se stesso e dove i corpi umani entrano in una simbolica lavatrice per uscirne brillanti e liberi: Santa & Glitter è un invito a brillare e a ballare.

Andando oltre l’apparenza e il primo impatto, la creazione è dedicata alle donne uccise nella caccia alle streghe fino alla fine del 18° secolo. Nella realtà proposta dalle due artiste, Ana Maria Alcocer ovvero Santa e Caro Wuttke, ovvero Glitter, la magia e il gioco occupano il loro posto nella società. Eseguendo atti magici (ispirati agli atti poetici di Jodorowski), la Cia Bruta Bruja diffonde un po’ di magia anche oltre il palcoscenico: le azioni in scena di Santa e Glitter rimandano infatti alla vita quotidiana.

A livello narrativo lo spettacolo Santa & Glitter gioca con la metafora di una lavatrice che porta in scena trasformazioni, apparizioni magiche e lenzuola, che vengono manipolate a ritmo di musica. Sul palco un mix di discipline circensi che veicolano un’energia leggera e di speranza.

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Agosto 2022




CARLA CARNERERO – LA BARQUE ACIDE

Lei, Carla Carnerero della compagnia La Barque Acide si presenta al pubblico aggrappata al suo diablo, mostrando solo quello che desidera e nascondendo la sua vera natura. La creazione Tout est un jeu unisce il linguaggio fisico ed emotivo attraverso l’uso del diablo e delle sue bacchette e corde.

In scena un solo di giocoleria ci circa 30 minuti durante il quale la protagonista manipolerà non solo l’oggetto ma anche il pubblico, che al tempo stesso sarà suo complice e parte attivo nello sviluppo della narrazione.

La tecnica circense è essa stessa manipolata con lo scopo di sviluppare un linguaggio personale, in grado di far divenire corpo e oggetto di giocoleria un’unica cosa.

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Agosto 2022




COMPAGNIA ENTROPIA

Il viaggio di ognuno verso il sacro dentro di sé. Una diversa ricerca di essere e di stare al mondo. Un modo per trovare la singolarità di ogni persona, in opposizione agli stereotipi del mercato. 

Un lavoro, quello di Alan Lerch e Magali Meijome di Compagnia Entropia, che mira ad analizzare l’asfissia che caratterizza la società contemporanea, portando in scena momenti di vita quotidiana, la molteplicità di stimoli a cui siamo sottoposti costantemente e la vorace struttura consumistica che ci circonda. La rottura in questo vortice arriva come un grido disperato, si impone come una necessità di sopravvivenza.

Questa crisi apre la strada a un nuovo orizzonte dove si privilegia la lentezza, l’ascolto, la riconciliazione con il qui e ora, unendo così corpo e mente nel presente. Questa rottura porta a un modo diverso di essere, a una spiritualità che è curativa e unica.

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Settembre 2022




DUO PADELLA

About vuole essere uno spettacolo di circo contemporaneo inspirato all’amicizia. Si tratta del primo progetto del Duo Padella, costituito da Isaac Valle e Giuliano Garufi, dopo due anni di formazione alla scuola INAC in Portogalli ed il secondo spettacolo in assoluto da loro ideato. Isaac è specializzato in equilibrismo su bici acrobatica e verticali, Giuliano in giocoleria e manipolazione di oggetti.

Alcuni momenti che entreranno a far parte dello spettacolo, nascono da momenti di vita vissuta e da una vera, profonda amicizia fra i due componenti del gruppo. Dei due personaggi sulla scena non si conosce il loro passato, né la loro provenienza. Sono due buffi protagonisti che si andranno a definire grazie alle avventure strabilianti che vivranno sul palcoscenico, con l’ausilio di svariate tecniche fra cui clownerie, slapstick, loop station, danza oltre ovviamente alle discipline di elezione dei due artisti.

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Settembre 2022




COMPAGNIA L’ENCORDÉE

Che cos’è l’encordée?
È l’ovvio, tutti conosciamo questa sensazione: viaggiamo, scopriamo, creiamo per anni, ci facciamo affascinare da tutto ciò che troviamo lungo il cammino ma non sappiamo come condividerlo.

E poi si incontra l’ovvio. Persone che hanno percorso un cammino che è stranamente simile al nostro. Si esprimono in un modo che capiamo, ci affascinano. Insieme si parla, si inventa, sembra così semplice. Così ovvio. E ci si aggrappa a questa sensazione di comunione. L’Encordée è tutto questo, compagnia nata dall’incontro di tre cordiste, Justine Delolme, Lucie Muller e Thaïs Barathieu, questo collettivo è soprattutto una collaborazione umana. Con un unico dispositivo artistico, la corda liscia, L’Encordée offre un approccio sensibile e selvaggio all’arte della performance e del movimento che si evolve con le esplorazioni delle sue artiste.

Nella loro nuova creazione, Les baudrières, il collettivo intende lasciarsi lo spazio per creare e in aria trovare la propria libertà, il proprio paradiso si possibilità, grazie all’utilizzo in scena di sei corde lisce che si intrecciano, che legano, con le quali danzare. Per contrastare un mondo nel quale tutto corre troppo veloce e dove è necessario aggrapparsi e tenersi stretti per non perdersi.

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Luglio – Settembre 2022




Salvatore Cappello

Da uno spazio si può recuperare ciò che si è lasciato alle spalle, che sia esso un ricordo, un oggetto, unlinguaggio o un essere?

Salvatore Cappello con questo nuovo spettacolo intende immergere sé stesso e gli altri in nuove idee che trovano linfa vitale dal ridicolo e che oscillano incessantemente tra una particolarepoetica e l’assoluto assurdo. Si crea un dialogo che vuole coinvolgere. Realizzare un progetto in questo periodo a tratti oscuro significa considerare rischi giocosi, che possono essere considerati fuori dalla norma, per testare i limiti della nostra accettazione. Le sfaccettature furbe del cabaret, del teatro fisico e dello slapstick e la poetica del corpo di un acrobata in un grande spazio rendono magico il banale, trasportando il pubblico, inconsapevole, in momenti trascendenti. Tiè vuole essere un momento di passaggio, di incrocio e di circo.

 

 

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

Ottobre 2022




CLARA LARCHER

Ataduras in spagnolo, legàmi in italiano. Lo spettacolo che intende sviluppare Clara Larcher verterà sul tema dei limiti imposti alla donna nella società, sviluppato attraverso un linguaggio poetico e danzato con l’ausilio della corda aerea. Il movimento aereo, la manipolazione della corda e l’installazione di uno spazio pieno di corde sottilissime saranno la base della ricerca.

Una composizione che unisce sensibilità e potenza femminile: attraverso l’immagine fisica e metaforica, si vuole esprimere il concetto di qualcosa che lega costringe e intrappola. Le donne sono vincolate a qualcosa che le opprime in quanto semplicemente donne? In che modo queste catene possono passare dal piano incosciente a quello cosciente? Quali sono le “ataduras” che ci attraversano quotidianamente e influiscono nel nostro modo di muoverci, essere, agire, sentire, esprimerci? La donna di Ataduras vuole scoprire quel magico potere ancestrale dell’intuizione femminile messo a tacere dai pregiudizi della cultura e dell’educazione.

Il suo sogno è vivere in libertà in uno spazio verticale sfidando la gravità appesa a una corda ma sarà un’ardua impresa, piena di ostacoli e conflitti che metteranno alla prova la sua autodeterminazione. La metterà alla prova innanzi tutto uno spazio labirintico pieno di fili. Abbracciando i suoi limiti questa donna troverà nuovi sentieri e possibilità, esplorerà il movimento in aria con sincerità, scoprendo come trasformare le sue debolezze in punti di forza.

Luogo di residenza

Fondazione Cirko Vertigo



Periodo di Residenza

2022