Xstream The stream of circusness

Xstream è un lavoro su disequilibrio estremo e flusso continuo.
Quattro artisti su musica live attraversano le loro storie, frammenti di racconti per mostrare corpi che agiscono su uno spazio che si trasforma, un flusso in divenire tra musica teatro danza e circo, i performer si muovono dando la percezione di essere continuamente in bilico o in spostamento, sospesi tra sogno e realtà, in un vortice di idee, parole, musica e movimento inarrestabili.

Esplorazione di estremi tra lentezza e velocità, terra ed aria, suono e silenzio, la cadenza diventa veloce, il ritmo incalza, forse un attimo di pausa aiuta il respiro: uno, due, tre… si ricomincia.

Il desiderio di spingersi oltre il limite, tra reale e virtuale, rimanendo nel flusso continuo del tempo e della ripetizione, a tratti tutto ripreso per espandersi in diretta sui social.

Il concetto di estremo è connaturato con quello di acrobata, la cui etimologia greca ci consente di investigare tra altezza, estremità e movimento, tra camminare sulle estremità, mani e piedi, sulle punte, o procedere verso l’alto in equilibrio su un cavo d’acciaio o un palo che ci indica una direzione o che porta ad una sfida estrema tra danza acrobatica e musica elettronica.
Mutare le altezze e il ritmo costantemente, così da cambiare il punto di vista come in un flusso della mente.

Xstream – promo from blucinQue on Vimeo.

Regia e Coreografia Caterina Mochi Sismondi
Interpreti Jonnathan Rodriguez Angel, Camilo Jimenez, Lukas Vaca Medina, Ruairi Mooney Cumiskey
Elettronica e musica live Monica Olivieri e Ruairi Mooney Cumiskey
Collaborazione all’allestimento Lucio Diana
Luci Massimo Vesco
Consulenza Musicale Giorgio Li Calzi
Maestri del circo Arian Miluka, Guillermo Hunter

Un progetto in divenire di Caterina Mochi Sismondi e Paolo Stratta