L’Arte della Fuga BWV 1080

martedì 17 luglio
2018
di blucinQue e Ensemble La Chimera Living Circus

Le sfide che J. S. Bach si autoimpose nella composizione dell’Arte della Fuga rappresentano, per i musicisti, quello che le acrobazie dei circensi rappresentano per qualsiasi osservatore: sfide al limite dell’impossibile, in cui le capacità umane vengono portate al loro estremo e suscitano in chi assiste ammirazione, meraviglia, stupore.

Come per i circensi, l’aumento delle difficoltà è un limite ma non una limitazione: il successo e l’appagamento dell’acrobata stanno proprio nel trasformare la difficoltà in un dono che permette di crescere e raggiungere livelli sempre più complessi.
Così, Bach crea brani affascinanti usando regole di estrema complessità come quelle del canone, la forma più rigida di composizione polifonica, senza trasformare la musica in puro esercizio intellettuale: ascolteremo ritmi di danza, contemplazioni incantate, momenti di tenerezza e di pathos.

Con Ensemble La Chimera (Pablo Valetti, violino, Margherita Pupulin, viola, Sabina Colonna-Preti e Carolina Egüez, viola da gamba)

E gli artisti di Cirko Vertigo

INFO

FONDAZIONE APM Via dell'Annunziata, 1 - Saluzzo (CN)